La crisi santitaria sta allargando il potere economico della criminalità organizzata

Ieri sera la trasmissione Stasera Italia dava conto delle tensioni sociali e delle possibili jacqueries che le conseguenze economiche del virus possono generare.

 

 

Ho cercato con un breve intervento  di riportare al nodo centrale quello che sta succedendo.

Collegandomi soprattutto all’esperienza dei 10 anni passati e alla brillante sintesi che ne dà l’ex procuratore nazionale antimafia Franco Roberti in un’intervista su Economy: 

“sono soggetti mafiosi che prestano denaro a tasso legale, cioè si fanno banca, 

….. erogando credito a tasso concorrenziale con quello bancario,

….. La crisi bancaria dunque ha rafforzato ancora di più l’economia criminale, 

perché i soggetti economici sono costretti a rivolgersi a canali alternativi. 

L’IMPRENDITORE DEVE SOPRAVVIVERE E SE NON RIESCE A OTTENERLO DALLE BANCHE, SI RIVOLGE AL CREDITO MAFIOSO.” 

Questo è il pericolo più grave per la società italiana che corriamo nei prossimi mes

(Visited 14 times, 1 visits today)

Rispondi